domenica 11 settembre 2011

Operazione "sfoltiamo i ricamabili" - Spugne "900"

in questi mesi sto affrontando una ristrutturazione lunga e complessa di casa mia, a causa di un muro pericolante che abbiamo dovuto mettere in sicurezza in tutta fretta e con l'occasione ho cominciato a arredare casa in modo un po' più attento e curato. e sistemando scatole di qua e cartoni di là, ecco che spuntano fuori ricamabili ovunque.....e allora mi son detta di far partire l'operazione "sfoltimento ricamabili" e son partita da queste spugne che ho decorato con uno alfabeto stile "novecento", semplice ma di effetto e molto elegante.
 e questo è un particolare del ricamo
mi son promessa di ricamare almeno un oggetto a settimana......vediamo un po' cosa prenderò in mano ora ;)

La donzelletta vien dalla campagna
in sul calar del sole,
col suo fascio dell'erba; e reca in mano
un mazzolin di rose e viole,
onde, siccome suole, ornare ella si appresta
dimani, al dí di festa, il petto e il crine.
Siede con le vicine
su la scala a filar la vecchierella,
incontro là dove si perde il giorno;
e novellando vien del suo buon tempo,
quando ai dí della festa ella si ornava,
ed ancor sana e snella
solea danzar la sera intra di quei
ch'ebbe compagni nell'età piú bella.
Già tutta l'aria imbruna,
torna azzurro il sereno, e tornan l'ombre
giú da' colli e da' tetti,
al biancheggiar della recente luna.
Or la squilla dà segno
della festa che viene;
ed a quel suon diresti
che il cor si riconforta.
I fanciulli gridando
su la piazzuola in frotta,
e qua e là saltando,
fanno un lieto romore;
e intanto riede alla sua parca mensa,
fischiando, il zappatore,
e seco pensa al dí del suo riposo.

Poi quando intorno è spenta ogni altra face,
e tutto l'altro tace,
odi il martel picchiare, odi la sega
del legnaiuol, che veglia
nella chiusa bottega alla lucerna,
e s'affretta, e s'adopra
di fornir l'opra anzi al chiarir dell'alba.

Questo di sette è il più gradito giorno,
pien di speme e di gioia:
diman tristezza e noia
recheran l'ore, ed al travaglio usato
ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Garzoncello scherzoso,
cotesta età fiorita
è come un giorno d'allegrezza pieno,
giorno chiaro, sereno,
che precorre alla festa di tua vita.
Godi, fanciullo mio; stato soave,
stagion lieta è cotesta.
Altro dirti non vo'; ma la tua festa
ch'anco tardi a venir non ti sia grave.

IL SABATO NEL VILLAGGIO - G.LEOPARDI

2 commenti:

  1. Buongiorno cara, mi soffermo a commentare il tuo post precedente, poichè è molto interessante... In sintesi sono d'accordo, anche se io per prima non parlo mai di queste cose. Perchè? Perchè nel mio blog io condivido solo i ricami, quello è il suo scopo. Non racconto i miei fatti personali, forse perchè nella vita reale ho tante persone con le quali condividerle. Per me il blog è un luogo a compartimenti stagni, mi serve per comunicare solo una minuscola parte di me, il resto è solo per coloro che amo e che mi conoscono vis a vis... Per non parlare di Facebook, che uso solo per lavoro... In famiglia proprio stasera parlavamo dell'11 settembre, ognuno di noi sapeva esattamente cosa stava facendo quel giorno, e un discorso tira l'altro, anche perchè un nostro caro amico lavorava la ed era tornato solo pochi giorni prima.... Insomma, non mi dilungo, credo che ognuno usi il blog a seconda della propria personalità, e ogni modo, finchè non lede la libertà altrui, è pregevole poichè utile a chi lo mette in atto :-)

    Un abbraccio grande e... domattina parte la tua busta :-)

    Arghi

    RispondiElimina
  2. Buongiorno cara, mi soffermo a commentare il tuo post precedente, poichè è molto interessante... In sintesi sono d'accordo, anche se io per prima non parlo mai di queste cose. Perchè? Perchè nel mio blog io condivido solo i ricami, quello è il suo scopo. Non racconto i miei fatti personali, forse perchè nella vita reale ho tante persone con le quali condividerle. Per me il blog è un luogo a compartimenti stagni, mi serve per comunicare solo una minuscola parte di me, il resto è solo per coloro che amo e che mi conoscono vis a vis... Per non parlare di Facebook, che uso solo per lavoro... In famiglia proprio stasera parlavamo dell'11 settembre, ognuno di noi sapeva esattamente cosa stava facendo quel giorno, e un discorso tira l'altro, anche perchè un nostro caro amico lavorava la ed era tornato solo pochi giorni prima.... Insomma, non mi dilungo, credo che ognuno usi il blog a seconda della propria personalità, e ogni modo, finchè non lede la libertà altrui, è pregevole poichè utile a chi lo mette in atto :-)

    Un abbraccio grande e... domattina parte la tua busta :-)

    Arghi

    RispondiElimina