sabato 31 dicembre 2011

ultimo ricamo del 2011


anche voi siete già stanche dell'inverno come lo sono io? io proprio non lo sopporto, mani e piedi sempre freddi e sogno sogno l'estate ...e così ecco qua cosa ho pensato per augurarvi un buon 2012, un ricamo estivo per farvi sentire un po' in vacanza
 schema by rovaris, su lino quadrettato 11 fili verde e bianco di graziano, ricamato con retors d'alsace DMC n. 8 nel colore 520
 particolari del ricamo più da vicino, spero si noti l'effetto un po' rilievo che questo filato da al ricamo

e con questo direi che è tutto per questo 2011 a crocette. ci rivediamo il prossimo anno con nuovi progetti e nuovi ricami ma nel frattempo divertitevi tanto e per una notte dimenticate tutti i brutti pensieri, qualsiasi cosa facciate, sia che usciate a festeggiare o che stiate a casa tranquilli con i vostri cari.

giovedì 29 dicembre 2011

il mercatino di katy

per non intasare questo blog di prodotti in vendita, ho creato questo piccolo spazietto dove troverete tele e stoffe in offerta e prossimamente anche qualche oggetto hand made. se vorrete fare un giro sarete i benvenuti ;)

mercoledì 28 dicembre 2011

regali anche per me

 nonostante io e il natale non andiamo molto d'accordo, ci sono sempre delle persone che mi coccolano e devo dire che queste sono le coccole più sincere, perchè lo fanno disinteressatamente, sapendo già che io non uso ricambiare in queste occasioni. La prima chicca è arrivata da Marika, un dolcissimo cavallino a dondolo che fa già bella mostra sulla mia nuova credenza...tra l'altro vi consiglio di fare un giro nel suo blog perchè troverete le foto delle sue bellissime signorine :D
 poi ecco il regalo della carinissima Danila. Quello che mi piace di questa ragazza è che non è legata alle convenzioni e alla massa, ma ha il coraggio di dire e fare come la pensa e di non adeguarsi alla massa di ventenni che si vede in giro. se volete vedere le sue creazioni, fate un giro sulla sua pagina facebook "l'apina indaffarata fimo"
e ultimo ma non ultimo il portachiavi che la mia negoziante di fiducia, la mitica Patty, mi ha fatto avere e che ha commissionato a Danila. un ferro di cavallo che porti fortuna a entrambe, poichè dal punto di vista lavorativo entrambe siamo state un po' sfortunate

martedì 27 dicembre 2011

my stitching room and.....Mago Merlino

e finalmente posso mostrarvi dove sono finiti i risparmi di un anno di lavoro....non certo in regali di natale o vacanze, ma nella mia stitching room :D

 mancano ancora dei ritocchi, il bianco alle pareti che non ha preso bene, gli zoccolini, ecc..... ma direi che così è già più che funzionante e funzionale
 e cosa si può volere di più di un caldo camino, un tavolo comodo da ricamo e un armadio pieno di stoffine? ehehe
 e poi vi voglio far vedere il nuovo arrivato a casa nostra: si chiama Mago Merlino, ma io l'ho soprannominato Mago Merluzzino perchè mangiando tanto pesce ha l'alito che sa di merluzzo, ihihihih
 è un trovatello che ha perso la sua mamma e i suoi fratelli mangiati da qualche volpe. un collega di mio marito lo ha trovato e curato e poi ha trovato casa nostra come rifugio e tutti noi ci siamo già affezionati...e tra l'altro cade a fagiolo in concomitanza con il mio compleanno...ormai è consuetudine che mio marito ogni compleanno mi regali un animaletto e per i miei tot anni (ahahahah) è arrivato lui

un 2011 di parole lette


e dopo il resoconto crocettoso del 2011 ecco quello ben più importante per me. mi ero ripromessa di leggere non di più, ma meglio e non so se ci sono riuscita. comunque questi sono i libri che hanno accompagnato il mio 2011


  • la voce del violino - a.camilleri pag. 222
  • intermittenza - a.camilleri pag. 171
  • homer & langley - doctorow pag. 215
  • romanzo criminale - g.de cataldo pag. 632
  • sentieri sotto la neve- m.rigoni stern pag. 124
  • la figlia dello straniero - j.c.oates pag. 670
  • bianca come il latte rossa come il sangue - a.d'avenia pag. 254
  • giudici - camilleri,de cataldo,lucarelli pag. 140
  • accabadora - m.murgia pag. 168
  • shining - s.king pag. 429
  • l'uomo di londra - g.simenon pag. 138
  • il cielo sopra darjeeling . n.c.vosseler pag. 467
  • patagonia express - sepulveda pag. 127
  • l'aiuto - kathryn stockett pag. 526
  • senza guardarsi indietro - l.pearse pag. 778
  • lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte - m.haddon pag.247
  • senza lasciare traccia - j.picoult pag. 424
  • l'estate del coprifuoco - d.kraus pag. 210
  • le correzioni - j.franzen pag. 599
  • ritorno a ford county - j.grisham pag. 327
  • vedi di non morire - j.bazell pag. 322
  • un luogo chiamato libertà - ken follett pag. 462
  • insomnia - s.king pag. 740
  • l'ottavo passo - lawrence block pag. 407
  • appartamento a istanbul - aykol esmahan pag. 321
  • solar - ian mcewan pag. 338
  • i numeri della sabbia - r.r.talbot pag. 436
  • Libertà - j.franzen pag. 622
  • il rapporto segreto - tom rob smith pag. 430
  • la ragazza del lago - k.fossum pag. 312
  • vizio di forma - t.pynchon pag. 472
  • la fattoria degli animali - g.orwell pag. 140
  • trilogia di new york - paul auster, pag. 315
  • cavalli selvaggi - cormac mccarthy, pag. 304
  • non avevo capito niente - diego de silva pag. 309
  • le più belle storie di cavalli - de vita massimo pag. 268
  • espiazione - ian mcewan - pag. 381
  • anime e sangue, f.grimandi - pag. 140
  • il cimitero di praga, u.eco - pag. 523
                                            -------------------------------------------
                                                         totale pag. 13.703

be', una cosa è certa, paragonando le letture fatte nel 2010, mi sono accorta di aver letto 4000 pagine.....e molto probabilmente questo è dovuto al fatto che da quest'anno ho dovuto rinunciare ad andare al lavoro in auto per i costi esorbitanti di benzina e gasolio, optando per un noioso e lentissimo treno. come si suol dire, non tutti i mali vengono per nuocere ;)

domenica 25 dicembre 2011

il 2011 raccontato con le xxx

si avvicina la fine dell'anno e come sempre si comincia a pensare ai bilanci.....i bilanci personali, nonostante la perdita del lavoro di mio marito, sono positivi, perché mai come in quest'ultimo anno ho fatto proprio ciò che avevo voglia di fare senza condizionamenti esterni.....e devo dire che vivere facendo sempre quello che si desidera senza vincoli è un toccasana anche per il rapporto a due, che ne risulta rafforzato e più spontaneo.

dal punto di vista ricamoso invece il bilancio è meno felice, le crocette che riesco a mettere sono sempre meno :( però come ogni anno vi ripropongo una carrellata di ricami eseguiti in questo 2011 che ve lo raccontano un po'

















che ve ne sembra? 

nel 2012 invece mi ripropongo di ricamare esclusivamente ciò che mi fa piacere, fregandomene altamente degli "ufo".....infondo ricamare è un piacere e se un ricamo non da più piacere nell'essere eseguito, non vedo perché ostinarsi :D


sabato 24 dicembre 2011

Book swap natalizio

organizzato da Eri sul suo blog con il suo gruppo di lettura, ecco i libri che ho scelto per Milena, la mia abbinata.

Natale in casa Cupiello di Edoardo De Filippo 
Ricordo di Natale di Truman Capote (che forse voi conoscerete per il più famoso "a colazione da tiffany")

ho poi aggiunto diverse cosine, tra cui il segnalibro ricamato a broderie suisse che vedete in foto ;)

spero di aver selezionato due buoni libri per Milena, ho cercato di essere originale nella scelta, chissà se avrò indovinato

venerdì 23 dicembre 2011

le mie quattro stagioni

e con l'arrivo dell'inverno anche questo 2011 sta per concludersi....è stato un buon anno? cattivo? per i resoconti è un po' presto, ma intanto vi mostro come si sono avvicendate le stagioni nel mio bellissimo paese: Rovescala


ed ecco sul tronco
si rompono le gemme:
un verde più nuovo dell'erba
che il cuore riposa.
Salvatore Quasimodo
d'estate 

Le cavallette sole
sorridono in mezzo alla gramigna gialla.
I moscerini danzano al sole
trema uno stelo sotto una farfalla
Giovanni Pascoli

foglie cadute

Alberi d'autunno
quante foglie sono cadute
la notte scorsa!
Pare che gli alberi
si siano girati sottosopra
e abbiano adesso
la chioma in terra
e le radici in cielo.
J.R. Jimenéz

La vedi nel cielo quell'alta pressione, 
la senti una strana stagione?
ma a notte la nebbia ti dice di un fiato
che il dio dell'inverno è arrivato
Francesco Guccini

sabato 17 dicembre 2011

quanto è buono il pane fatto in casa

vi capitano mai quei giorni in cui siete in casa da sole e non sapete che fare? ecco, a me è venuta l'idea di mettermi a impastare il pane :D
prima il pane bianco
 e poi quello multicereale
 et voilà, il pane per la settimana è servito :D
ma adesso vi do anche la ricetta

450 gr di farina
300 ml di acqua tiepida
lievito di birra
1 cucchiaio di zucchero
1/2 cucchiaio di sale
prima di tutto mettete metà dell'acqua con il lievito in un bicchiere e aspettate una quindicina di minuti. poi prendete la farina, lo zucchero, il sale e il resto dell'acqua e cominciate ad impastare. aggiungete l'acqua con il lievito e impastate ancora finchè non otterrete un composto liscio e omogeneo. lasciate riposare in un contenitore coperto con la pellicola trasparente per un'oretta. passato questo tempo la pasta sarà lievitata. impastate nuovamente il tutto e infine stendete il composto o su un tavolo o un tavoliere e date la forma che volete al vostro pane. lasciate lievitare nuovamente per una mezz'oretta, sempre coprendo con la pellicola trasparente, poi infornate per un'altra mezz'oretta. io ho cotto il pane nella stufa a legna a una temperatura di 220° circa, ma state attenti a non bruciarlo in superficie e a mantenerlo dorato ;)

buon appetito

recensioni

Intermittenza, Andrea Camilleri

Una grande azienda, la Manuelli, che sostiene l'economia del Paese e dà lavoro a migliaia di operai. Il suo presidente, vecchio padre della rinascita industriale italiana. Il figlio di lui, inetto e velleitario. Il direttore del personale, abile e cinico. E il direttore generale, il solo a non mostrare cedimenti: Mauro De Blasi. Su questa realtà si allunga l'ombra della crisi: e allora bisogna tagliare e cassintegrare, trattare con ministri e sottosegretari, fronteggiare sindacalisti e occupazioni. Ma la Manuelli tiene botta, anzi, fiuta l'affare: si tratta dell'azienda Birolli, il cui proprietario è assillato dai creditori e pronto a svendere tutto pur di salvarsi. Un solo bene nemmeno il curatore fallimentare potrebbe togliergli: la nipote Licia, superbo esemplare di femmina determinata, intelligente e sensuale. Ancora una volta Mauro De Blasi si dimostra più furbo di tutti anche se c'è qualcosa, uno strano fenomeno, che inizia a manifestarsi con inquietante frequenza nelle sue giornate: l'intermittenza. Un thriller finanziario spietato, un dramma che ha il passo implacabile che Camilleri ci ha già mostrato in "Un sabato, con gli amici", quando i suoi personaggi appaiono scolpiti con scabra efficacia, quasi con crudeltà, rastremati attorno alle pure motivazioni del loro agire: l'odio, il desiderio, la vendetta, il potere.

commento personale: se vi aspettate il camilleri delle inchieste del commissario montalbano, scordatevelo! piuttosto un racconto crudo e veloce sulla vita di questi manager rampanti che nella vita hanno due soli pensieri: i soldi e il potere!......se vi sembrerà che finito il libro, non vi abbia insegnato nulla.....è perchè questo mondo corrotto e senza freni non ha niente da insegnare

recensioni

La voce del violino - Andrea Camilleri


È uno di quei giorni tinti (neri) che affliggono Montalbano che, da classico meteoropatico, si abbuia quando fa cattivo tempo e diventa intrattabile. Tanto più sarà un brutto giorno perché dovrà andare al funerale della moglie del suo amico questore, e ancora più scura sarà la giornata perché ad accompagnarlo con l'auto di servizio sarà l'agente Gallo, un'autista dalla guida "stile Indianapolis".
I cattivi presagi si avverano: durante il percorso per una strada di campagna a velocità folle, almeno secondo il commissario che ama andature a passo d'uomo, Gallo investirà una gallina suicida facendo sbandare l'auto che andrà ad urtare una vettura in sosta davanti ad una villa. Il commissariosantiando (imprecando), si metterà personalmente alla guida dopo aver lasciato per avvertire il proprietario un biglietto sotto il tergicristallo dell'auto danneggiata. Poiché Gallo si lamenta per la botta ricevuta, Montalbano devierà per l'ospedale dove tra esami e controesami i due passeranno l'intera mattinata. Sulla via del ritorno - si è ormai fatto troppo tardi per la cerimonia funebre - il commissario nota che l'auto danneggiata è rimasta dove l'ha lasciata con ancora il biglietto nel tergicristallo.
A Montalbano la faccenda non quatra e da tipico sbirro rimugina il fatto per tutto il giorno sino a che, dopo aver concluso la giornata fitusa con una tempestosa telefonata con Livia la sua fidanzata, non riuscendo a prender sonno si alza in piena notte e si avventura per scoprire cosa avviene nella villa.
Trova l'auto danneggiata ancora dov'era la mattina, con arte scassinatrice forza la porta della villa che ha segni di essere abitata ma che appare deserta; si aggira per i vari ambienti sino a quando in una stanza da letto, alla luce della torcia, si presenta agli occhi del commissario una scena raccapricciante: una giovane donna, bionda e bellissima, del tutto nuda è riversa carponi «con la pancia appoggiata al bordo del letto, le braccia spalancate, il viso sepolto nel lenzuolo ridotto a brandelli dalle unghie della donna che l'aveva artigliato negli spasimi della morte per soffocamento» (op.cit. pag.19)
Il problema ora per Montalbano è il seguente: «Come far scoprire il delitto? Non poteva certo andare a dire al giudice quello che aveva combinato» (ibidem) Il commissario troverà un modo e inizierà un'indagine che si mescolerà al suo rapporto con Livia, la donna sinceramente amata, che ora vuole da lui qualcosa di più del suo amore.

commento personale: francamente non me la sento di dare pareri sul maestro Camilleri, io lo amo a prescindere, ahahahaha. Comunque le indagini del commissario Montalbano sono sempre affascinanti, perchè all'intrigo mescolano sempre le sue vicende personali, e la figura del commissario ne esce fuori sempre più complessa e articolata, come ognuno di noi infondo è

giovedì 15 dicembre 2011

recensioni

HOMER & LANGLEY
E.L. DOCTOROW

Ispirata a un famoso fatto di cronaca della New York del primo Novecento, la storia dei fratelli Homer e Langley Collyer assume nella rivisitazione di Doctorow, maestro nell'amalgamare avvenimenti reali con episodi romanzati, i contorni del mito. Homer, il fratello cieco, e Langley, tornato semifolle dalla Grande Guerra, sono due rampolli di una famiglia benestante che nel corso dei decenni trasformeranno il loro palazzo in un delirante ricettacolo di ciarpame, dove vivranno come reclusi fino a rimanere sepolti sotto le tonnellate di spazzatura da loro stessi accumulata. Questi personaggi tragici ed emblematici, che hanno perfino dato il nome alla cosiddetta "sindrome di Collyer", diventano la metafora di un mondo e lo specchio di un lungo periodo della storia americana. Homer e Langley, benché rinchiusi nella loro folle utopia, saranno infatti testimoni di tutti gli avvenimenti fondamentali di quegli anni, dalle guerre ai movimenti politici, dal progresso tecnologico a una serie di personaggi indimenticabili, immigrati, gangster, musicisti jazz, hippy.

commento personale: un racconto bizzarro e originale. forse troppo veloce, io lo avrei forse diluito un po' di più, anche se probabilmente l'autore aveva paura di annoiare

lunedì 12 dicembre 2011

il primo natale di Alice

 eh si, questo sarà il primo natale di Alice.....e così le ho preparato questo bavaglino piccino piccino......io e il natale come sapete non andiamo molto d'accordo e così ero un po' scarsa di schemini , però questo babbo natale mi era simpatico....che ne dite?

domenica 11 dicembre 2011

il mercatino di katy

eccomi qui con le nuove offerte per voi. come sempre il pagamento sarà effettuato anticipatamente tramite postepay o bonifico bancario. le spedizioni vengono effettuate solo il sabato e solo tramite posteitaliane per problemi logistici dovuti a me, purtroppo.
non rispondo degli smarrimenti dovuti alla posta prioritaria non tracciabile

per qualsiasi richiesta, l'indirizzo email al quale contattarmi è il seguente
ricamarechepassione@libero.it


 rustichella quadrettata bianco e rosso, cm 38x38, € 2,00 + spese di spedizione VENDUTO
 lino graziano 12 fili a quadri grandi bianco bordeaux, cm. 85x60 € 7,00 + spese di spedizione
 aida 72 color grezzo, due tagli cm 85x85 cad € 7,00 cadauno + spese di spedizione
TUTTA PRENOTATA
 garda misto lino sotema, color ghiaccio, cm 55x177 ideale per runner, € 8,00 + spese di spedizione VENDUTO
 lino 11 fili graziano color verde salvia, cm 110x50 € 7,00 + spese di spedizione
VENDUTO
 tessuto in cotone, ideale per confezionamento coordinati bimbi, color azzurro tenue, cm 140x50 € 5,00 + spese di spedizione
 tovagliato in cotone con stampa cm 45x45 € 2.00 + spese di spedizione
 tovagliato in cotone, cm 45x45 € 2,00 fino a esaurimento scorte, per ora disponibili 4 tagli anche uniti
toile de joux, color rosso, cm 135x50 € 5,00

avendo messo il materiale in vendita anche sulla mia pagina facebook, mi riservo di dare la disponibilità a chi prima prenoterà.