venerdì 10 febbraio 2012


eccoci anche al sesto appuntamento del "52 week project 2012" organizzato da simona. E' un progetto che mi piace molto, soprattutto se non vi siete ancora iscritte, fatelo subito perchè le altre ragazze del gruppo postano delle foto favolose a cui è difficile tenere testa
e guardate un po' che carta mi gioco questa settimana.....il mio Idalgo nella neve! ma quanto è bello ?! in realtà lui non ama molto la neve, questo è stato l'unico momento in cui ha messo i suoi delicati zoccoli nella neve....ma io ero lì appostata e l'ho colto al volo, ahahahahhaa.....praticamente devo fare come i paparazzi con i divi!

al prossimo scatto ;)

ancora regali e un giveaway prezioso

inutile cercare di passare inosservate, le amiche si ricordano lo stesso del tuo compleanno :D in realtà quest'anno proprio non avevo voglia di festeggiare, non sono assolutamente vecchia, ma ammetto che comincio a fare un po' di bilanci in più ora e che non mi sembra di avere ancora molto tempo davanti a me, come qualche anno fa.....cioè, di tempo ne ho eccome! ma purtroppo non per fare le cose che solo i ragazzi possono fare ;)
e dopo queste riflessioni tristissime (datemi una botta in testa che me la merito ) eccovi il regalo ricevuto da Cate.....un bellissimo centro all'uncinetto color lavanda che sta benissimo sul mio comodino....anzi, mi piacerebbe tanto impreziosirlo con un piccolo broccolio in latta colorata....chissà mai che ne trovi uno in qualche mercatino :D


sapete anche che ultimamente non amo molto partecipare a candy e giveaway perchè di solito vi partecipano le persone che vengono nel tuo blog solo per il premio in palio e mai per ammirare o anche, perchè no, criticare i tuoi lavori. però questo di romy non potevo assolutamente saltarlo, ne evitare di pubblicizzarlo ;)

buona fortuna a tutte!

recensioni

IL DIAVOLO CERTAMENTE
Andrea Camilleri

Due filosofi in lotta per il Nobel, un partigiano tradito da un topolino, un ladro gentiluomo, un magistrato tratto in inganno dal giallo che sta leggendo, un monsignore alle prese col più impietoso dei lapsus, un bimbo che rischia di essere ucciso e un altro capace di sconvolgere un’intera comunità con le sue idee eretiche... E ancora: una ragazza che russa rumorosamente, un’altra alle prese con il tacco spezzato della sua scarpa, una segretaria troppo zelante, una moglie ricchissima e tante, tante donne che amano – tutte – con passione, a volte con perfidia, più spesso con generosità. Ecco i personaggi che, insieme a molti altri, popolano le pagine di questo libro: un romanzo corale sui desideri e i vizi, gli slanci e le bassezze dell’umanità e insieme un perfetto marchingegno a orologeria. Più che perfetto: diabolico. 33 racconti di 3 pagine ciascuno: 333 e non 666, perché questo, come tutti sanno, è il numero della Bestia, e non si discute sul fatto che mezzo diavolo sia meglio di uno intero. Andrea Camilleri ha scritto racconti dal numero di battute incredibilmente congruente, che nel dattiloscritto consegnato alla casa editrice equivalevano esattamente a tre pagine l’uno. In ognuno di essi, il diavolo suggella la storia con il suo inequivocabile zampino: nel bene o nel male, a noi lettori l’ardua sentenza. Perché questi racconti, oltre a essere irresistibilmente divertenti, sono anche percorsi da una meditazione accanita e sottile sul senso delle umane sorti, del nostro affannarci per mentire o per apparire, della nostra idea di felicità; i due apologhi filosofici che aprono e chiudono la raccolta non sono che il disvelamento di una trama che sottende tutta la narrazione. E che fa di questo libro un assoluto gioiello.


commento personale: una lettura veloce e scorrevole, forse non tutti i racconti sono originali, ma mette in evidenza il comportamento degli uomini, non sempre irreprensibile