mercoledì 29 febbraio 2012

recensioni

 Le amanti - Matilde Serao

Massimo Dias è un amante perfetto, Lo, dice Teresa che poi confida:"Il tradimento è uno dei caratteri della perfezione in amore. Sarà una crudeltà ma è così."
La Serao scrive racconti che potrebbero considerarsi un moderno training allo vita di coppia e indaga con imparziale precisione le sfumature sentimentali maschili e femminili, ci fa vivere le attese, le speranze, ci introduce nella privatezza dei due universi e del loro differente modo di sentire. La scrittrice filma i suoi personaggi di nascosto, li inquadra nel vibrare voluttuoso delle loro passioni e nel successivo dipanarsi delle conseguenze amorose. Spesso i racconti si risolvono nell'ultimo periodo. In alcuni casi, come nel "Convegno", nell'ultima parola.

Commento personale: un'autrice che esplora l'animo umano con una maestria che mi ha lasciato a bocca aperta. Le descrizioni dei sentimenti dei protagonisti fanno battere il cuore come se fossimo noi stessi a viverne il dramma

------------------------------------------------------------------------------------------
Sei personaggi in cerca d'autore
Luigi Pirandello
Il dramma Sei personaggi in cerca d'autore è scritto in un italiano semplice ma un po' antiquato e narra di un capocomico che, mentre prova sulla scena "Il giuoco delle parti" dello stesso Pirandello, si vede piombare in teatro sei persone, sei personaggi, che lottano l'un contro l'altro e tutti contro il capocomico per vedere rappresentato il loro dramma che nessun autore ha voluto scrivere. "Un uomo sulla cinquantina, in giacca nera e calzoni chiari, dall'aria aggrottata e dagli occhi scontrosi per mortificazione; una povera donna in gramaglie vedovili che avea per mano una bimbetta di quattr'anni da un lato e con un ragazzo di poco più di dieci dall'altro; una giovinetta ardita e procace, vestita anch'essa di nero ma con uno sfarzo equivoco e sfrontato, tutta un fremito di gajo sdegno mordente contro quel vecchio mortificato e contro un giovane sui vent'anni che si teneva discosto e chiuso in sé come se avesse in dispetto tutti quanti". Cominciano così, quasi a forza, a narrare il loro dramma. Il capocomico è dapprima disinteressato e innervosito poi, man mano che si va avanti nella storia, si fa attento. Il Padre infatti, dopo essersi accorto che la Madre amava un suo impiegato, la cacciò da casa e affidò il figlio legittimo ad una balia. Ma quando l'impiegato morì, la Madre, con i figli illegittimi: la Figliastra, il Giovinetto e la Bambina, si trovò in una grave situazione finanziaria e fu costretta ad andare a lavorare come sarta da Madama Pace, la quale obbligò la Figliastra a prostituirsi. Nella "bottega" di Madama Pace la Figliastra incontra Il Padre. La Madre e i suoi figli si stabiliscono a casa del Padre dove incontrano il Figlio.
I sei personaggi incarnano ognuno una visione diversa dello stesso dramma che ogni personaggio vive con una "sua" verità inconciliabile con quella degli altri. Questo è il dramma pirandelliano della solitudine e dell'incomunicabilità che viene spiegato dal Padre quando, rivolgendosi al capocomico, gli dice: «ciascuno di noi - veda - si crede "uno" ma non è vero: è "tanti" signore, "tanti" secondo tutte le possibilità d'essere che sono in noi; "uno" con questo, "uno" con quello - diversissimi! E con l'illusione d'esser sempre "uno per tutti" e sempre "quest'uno" che ci crediamo in ogni nostro atto! Non è vero!».
In questo "teatro nel teatro" Pirandello non narra il dramma dei personaggi ma il loro tentativo di trovare un autore che lo rappresenti. I sei personaggi sono diversi perché ognuno di loro vive una parte diversa dello stesso dramma. Il Padre è distrutto dal rimorso per le proprie colpe; la Figliastra, vittima del Padre si vuole vendicare proprio rappresentandole e rendendole immortali sul palcoscenico. Il Figlio, sdegnato con tutti, si sente estraneo alla famiglia. La Madre vive solo per le due creaturine indifese che ha ai fianchi, le quali vivono anche loro un dramma che non si manifesta. Nell'ultima parte dell'opera vi è una contrapposizione tra realtà e finzione espressa per mezzo degli attori che, quando vedono il Giovinetto ferito, si dividono non sapendo quale è la verità. L'ultima parte e anche surreale perché la Bambina, viva (!?) , recita la propria morte.
Sei personaggi in cerca d'autore è un testo teatrale, quindi Pirandello non narra i fatti ma scrive le battute e le note sceniche; non vi è dunque voce narrante e il testo è tutto in discorso diretto. L'opera pur essendo un atto unico è spezzata in tre parti poiché la vicenda si svolge in tempo reale e i cambiamenti di scena avvengono a sipario alzato; i fatti si svolgono in un pomeriggio e sono narrati in ordine cronologico ma i personaggi rievocano ricordi passati.

Commento personale: su Pirandello non voglio dire niente. Qualunque cosa possa dire e' assolutamente poco rispetto al genio creativo che stimo in quest'autore

domenica 26 febbraio 2012

cosa saranno mai?

da uno schema DMC creato per il filato retors d'alsace su lino quadrettato greggio a quadri bianchi

su lino 11 fili bianco, schemi fungosi di ricamare

alla prossima puntata per il confezionamento ;)

Copiate se volete, ma citate le fonti

Qui a lato, nella mia presentazione, compare questa frase

"la vita e' una galleria di quadri, dove ci sono pochi originali e molte copie"

Nella creatività e' più o meno così, poche di noi hanno davvero l'estro creativo, le altre si limitano a copiare o modificare l'idea originale di qualcun altro.

Mi piacerebbe che chi passa di qui e prende ispirazione dal mio blog (sia per un ricamo originale, l'impostazione di un post, una citazione, il titolo di un post, una foto particolare) abbia l'educazione di citarmi come faccio io. E se qualche volta me ne dimentico, chiedo scusa pubblicamente qui, non e' mia intenzione passare per una creativa originale e con 1000 idee, perché e' ovvio che non lo sono.

Spacciarsi per qualcuno che non si e' alla lunga stanca, e' faticoso dover reggere sempre il personaggio ;)

Buona creatività a tutte !

sabato 25 febbraio 2012

52 week project 2012

per l'ottavo appuntamento mi sarebbe piaciuto mostrarvi le mie gallinelle domestiche....nel senso che non ci crederete, ma vengono in braccio come un gatto e ti fanno le fusa....purtroppo da sola non sono riuscita a farmi un autoscatto, però le mie super galline ve le mostro lo stesso! .....e vi lancio una piccola provocazione: come si fa a mettere in pentola un animale che con tanta fiducia ti si getta tra le braccia?
al prossimo scatto ;)

Il bosco di bengtsson by renato parolin al suo posto

finalmente ha trovato la sua giusta collocazione. Mi dispiace per la brutta foto, dallo scatto non si noterà, ma casualmente la nuova porta di ingresso di casa mia ha la stessa tonalità del ricamo e così abbiamo pensato di posizionarlo proprio sopra....e devo dire che fa un figurone 

mercoledì 22 febbraio 2012

voglia di ...... hardanger!


non chiedetemi perchè, ma questa settimana mi è presa la frenesia per il ricamo hardanger. sfogliando un vecchio "stella hardanger" ho trovato questo cuscino che ho riadattato a modo mio

su tela a fili contati bianca, con perlè color lilla n. 109 della Anchor e retors d'alsace bianco DMC



una paura a tagliare lungo i bordi....ed invece è andato tutto bene....a parte qualche errorino, ehehehe

sabato 18 febbraio 2012

cip ciop !!!

un altro bavaglino per la mia nipotina....un uccellino tutto rosa!!!!


Alla zampa di ogni uccello che vola è legato il filo dell'infinito.
V. Hugo

52 week project 2012

settimo appuntamento con l'iniziativa di Simona. Questa settimana ho scattato una foto che immortala il clima feroce nel quale convivono cani e gatti a casa mia......

ahahahahhaha, fanno ridere, vero? sono alcuni dei miei cuccioloni!

mercoledì 15 febbraio 2012

A come......

ape? alveare? arnia? 
no, A come Alice, la mia nipotina



Api d'oro
cercavano il miele
dove starà
il miele?
E' nell'azzurro
di un fiorellino,
sopra un bocciolo
di rosmarino

Garcia Lorca

domenica 12 febbraio 2012

stealing oats by brittercup designs

era da tempo che volevo fare questo schema e stavolta mi sono decisa. su una tela a fili contati grezza con filati DMC


l'unica variante apportata è al colore dell'occhio del cavallo che ho fatto blu come quelli di Idalgo :D

e finalmente incorniciati due ricami fatti lo scorso anno

"Rebecca Nurse" by The Primitive Hare in una cornice shabbata

"the old west" by LHN in una cornice color azzurro pastello


buona domenica a tutte, qui siamo ancora nel bel mezzo del blizzard.....brrrrrrr

venerdì 10 febbraio 2012


eccoci anche al sesto appuntamento del "52 week project 2012" organizzato da simona. E' un progetto che mi piace molto, soprattutto se non vi siete ancora iscritte, fatelo subito perchè le altre ragazze del gruppo postano delle foto favolose a cui è difficile tenere testa
e guardate un po' che carta mi gioco questa settimana.....il mio Idalgo nella neve! ma quanto è bello ?! in realtà lui non ama molto la neve, questo è stato l'unico momento in cui ha messo i suoi delicati zoccoli nella neve....ma io ero lì appostata e l'ho colto al volo, ahahahahhaa.....praticamente devo fare come i paparazzi con i divi!

al prossimo scatto ;)

ancora regali e un giveaway prezioso

inutile cercare di passare inosservate, le amiche si ricordano lo stesso del tuo compleanno :D in realtà quest'anno proprio non avevo voglia di festeggiare, non sono assolutamente vecchia, ma ammetto che comincio a fare un po' di bilanci in più ora e che non mi sembra di avere ancora molto tempo davanti a me, come qualche anno fa.....cioè, di tempo ne ho eccome! ma purtroppo non per fare le cose che solo i ragazzi possono fare ;)
e dopo queste riflessioni tristissime (datemi una botta in testa che me la merito ) eccovi il regalo ricevuto da Cate.....un bellissimo centro all'uncinetto color lavanda che sta benissimo sul mio comodino....anzi, mi piacerebbe tanto impreziosirlo con un piccolo broccolio in latta colorata....chissà mai che ne trovi uno in qualche mercatino :D


sapete anche che ultimamente non amo molto partecipare a candy e giveaway perchè di solito vi partecipano le persone che vengono nel tuo blog solo per il premio in palio e mai per ammirare o anche, perchè no, criticare i tuoi lavori. però questo di romy non potevo assolutamente saltarlo, ne evitare di pubblicizzarlo ;)

buona fortuna a tutte!

recensioni

IL DIAVOLO CERTAMENTE
Andrea Camilleri

Due filosofi in lotta per il Nobel, un partigiano tradito da un topolino, un ladro gentiluomo, un magistrato tratto in inganno dal giallo che sta leggendo, un monsignore alle prese col più impietoso dei lapsus, un bimbo che rischia di essere ucciso e un altro capace di sconvolgere un’intera comunità con le sue idee eretiche... E ancora: una ragazza che russa rumorosamente, un’altra alle prese con il tacco spezzato della sua scarpa, una segretaria troppo zelante, una moglie ricchissima e tante, tante donne che amano – tutte – con passione, a volte con perfidia, più spesso con generosità. Ecco i personaggi che, insieme a molti altri, popolano le pagine di questo libro: un romanzo corale sui desideri e i vizi, gli slanci e le bassezze dell’umanità e insieme un perfetto marchingegno a orologeria. Più che perfetto: diabolico. 33 racconti di 3 pagine ciascuno: 333 e non 666, perché questo, come tutti sanno, è il numero della Bestia, e non si discute sul fatto che mezzo diavolo sia meglio di uno intero. Andrea Camilleri ha scritto racconti dal numero di battute incredibilmente congruente, che nel dattiloscritto consegnato alla casa editrice equivalevano esattamente a tre pagine l’uno. In ognuno di essi, il diavolo suggella la storia con il suo inequivocabile zampino: nel bene o nel male, a noi lettori l’ardua sentenza. Perché questi racconti, oltre a essere irresistibilmente divertenti, sono anche percorsi da una meditazione accanita e sottile sul senso delle umane sorti, del nostro affannarci per mentire o per apparire, della nostra idea di felicità; i due apologhi filosofici che aprono e chiudono la raccolta non sono che il disvelamento di una trama che sottende tutta la narrazione. E che fa di questo libro un assoluto gioiello.


commento personale: una lettura veloce e scorrevole, forse non tutti i racconti sono originali, ma mette in evidenza il comportamento degli uomini, non sempre irreprensibile

domenica 5 febbraio 2012

think summer :D

diciamocelo.....fa freddo! brrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr, ahahahhahahah
e mentre fuori tutto ghiaccia, la neve continua a scendere, io me ne sto al calduccio della stufa a legna e ......
sogno l'estate :D

"think summer" by lizzie kate

su tela a fili contati azzurra
moulinè DMC


sabato 4 febbraio 2012

my stitching room .... miglioriamola

ve l'ho detto che in questi mesi mi son dedicata anima e corpo alla casa, no? e abbiamo anche migliorato la mia stitching room.....finalmente sono arrivati gli infissi nuovi, in realtà dovevano già essere stati montati, ma sapete anche voi che quando si fanno i lavori in casa, qualcuno che sbaglia c'è sempre....e questa volta aveva sbagliato il serramentista a prendere le misure e ha dovuto rifarmi due volte la finestra
poi abbiamo spostato la poltrona davanti al camino, così ricamo al calduccio, come piace a me

e abbiamo tutto lo spazio che vogliamo per mettere a posto il colorario DMC.....lo spazio lo abbiamo:  è la voglia che manca, ahahahhaha

e questo chi è? ahhhhhhhhh, ma è Asso, la mia fida guardia del corpo!!!! non è un tesoro?

e poi vi mostro il regalo ricevuto da Marika, che ha sempre un pensiero dolce per me.....e vi consiglio di fare un salto sul suo blog per vedere la valle d'Aosta innevata


e infine, dopo tanto mettere a posto, un buon caffè e una torta alle arance, ricetta consigliatami da una crocettina e subito sperimentata

ingredienti: 250 gr di farina, 150 gr di zucchero, tre uova, 1/2 bicchiere di latte, 100 gr di olio extravergine, la scorza di un'arancia grattucciata, lievito

impastate il tutto e mettete in forno. io ho cotto nel forno a legna per cui sono andata un po' a occhio, credo che però 30 minuti a 180° possano bastare. Quando è cotta fatela raffreddare e tagliatela a metà
All'interno spalmate la crema ottenuta spremendo quattro arance, messe poi sul fuoco con 100 gr di zucchero e due cucchiai di farina. Fatela addensare e poi mettetela all'interno della torta. io ho aggiunto anche un pizzico di cannella
ovviamente se lo avete, mettete dello zucchero a velo....e non fatevi ingannare dal nero che vedete, non è bruciata, è il forno a legna che l'ha cotta un po' di più in quell'angolo

e ora vado a gustarmela davanti al camino :D buon week end a tutte!

giovedì 2 febbraio 2012

52 week project 2012

eccoci anche alla quinta tappa di questo progetto.....nel gruppo di Simona ho visto delle foto pazzesche, devo dire che tutte si stanno impegnando per immortalare al meglio questo 2012.
per la mia quinta foto ho scelto ovviamente la neve, arrivata puntuale anche quest'anno.....questa foto è stata scattata proprio alle prime luci del giorno di domenica, suggestiva, vero? Idalgo non c'è....ma essendo anche lui bianco probabilmente si sarebbe mimetizzato, che ne dite?

al prossimo scatto ;)

crocette indoor autunno inverno 2011-2012 - harvest time by th prairie schooler

le ultime crocette le ho messe a fatica, devo ammetterlo, ma il risultato alla fine mi ha ampiamente ripagato.
avevo dei dubbi sull'effetto finale perchè avevo cambiato parecchi colori rispetto alla versione originale, e invece, ora che lo vedo finito, i colori sono perfetti, rendono perfettamente il tepore autunnale tipico delle zone dove vivo.
qui nella visione d'insieme, vi piace?

particolare della parte centrale

altro particolare

sicuramente diventerà un banner, ora si tratta solo di confezionarlo, ma sapete che io sono lunga nei lavori di cucito. la prima passione rimane sempre il punto croce, il cucito è un'arte accessoria della quale ancora non ho bene la mano

ricamato su lino fili f.lli graziano a bande bianche e gialle
filati moulinè DMC

mercoledì 1 febbraio 2012

grazie a Rosy

ma cosa si può dire di fronte a un simile regalo? niente. ogni parola superflua.
guardate un po' che meraviglia ha creato apposta per me la mitica Rosy....e pensare che in questi giorni andavo a sbirciare il suo blog perchè sta postando un sacco di scatole, una più bella dell'altra....e la mia era già in viaggio :D

e ovviamente ha già trovato la giusta collocazione :D

grazie amica!

SAL 2011 - Green Flip, Lizzie Kate - V TAPPA

Arianna

Elisa



Nicoletta



Stefania


e piano piano arriviamo verso la fine di questo sal.....ancora una tappa e ci siamo! tra l'altro le più veloci hanno anche già confezionato il loro ricamo, ve li mostrerò più avanti. e se l'avventura vi è piaciuta, si può bissare con il nuovo sal a schema libero Renato Parolin, che inizia il 1° marzo.