martedì 21 aprile 2009

LIBRI

TRE UOMINI IN BARCA - JEROME
Trama: Risalendo la corrente del fiume Tamigi i tre amici Jerome, Harris e George, assieme al fedele cane Montmorency, viaggiano per giorni sulla loro imbarcazione, scorrendo lungo le campagne inglesi, e vivono sempre nuove e inattese avventure che strappano risate di continuo. Una serie di gag comiche sulle gioie e sui dolori della vita in barca, unite a divertenti divagazioni che costituiscono storie a sé stanti, nel miglior stile dello humour inglese. Il tutto condito da descrizioni realistiche delle regioni attraversate dalla simpatica brigata e brevi notazioni di filosofia per non addetti ai lavori.
commento personale: lo trovo spassoso e divertente e sinceramente non riesco a capire come tante persone invece lo trovino pesante!


LA BISBETICA DOMATA - SHAKESPEARE
Trama: Lucenzio - giovane pisano - e Tranio - suo servo - discutono su quanto sia bella e dolce la figlia del mercante Battista Minola, Bianca, e di quanto sia invece rude, sgarbata e volgare sua sorella maggiore, Caterina (la bisbetica del titolo). Mentre Bianca è contesa tra i molti pretendenti che le fanno la corte, la sorella Caterina non vanta nessun pretendente. In seguito, Battista Minola decide quindi di allontanare la figlia Bianca dalla società, fintanto che Caterina non si sarà sposata. Tuttavia Lucenzio, perdutamente innamorato di Bianca, cerca di escogitare qualche sotterfugio per poter avvicinare la sua amata. Pertanto si scambia d'abiti con Tranio, il suo servo, così da poter diventare tutore in letteratura di Bianca. Frattanto invece Gremio ed Ortensio, altri due pretendenti padovani, uniscono le loro forze per trovare un marito a Caterina. Quando giunge a Padova Petruccio, caro amico di Ortensio, in seguito alla morte del padre, in cerca di moglie, essi gli parlano riguardo Caterina, del suo brutto carattere, ma anche della sua ricca dote. D'altronde, poi, Caterina non era nemmeno così brutta come voleva invece lei figurare. Tuttavia Petruccio non esita un attimo, e decide immediatamente di volerla sposare, facendosi introdurre nella villa di Battista, tramite Ortensio. Benché apparentemente Caterina risulti sdegnata da questa sua volontà di sposarla, i due decidono di concordare la data del matrimonio. Quel giorno, però Petruccio arriva alla cerimonia vestito squallidamente, e in ritardo. Peraltro al conseguente banchetto se ne va, con grande rammarico di Caterina. Giunti a Verona, città di Petruccio, Caterina è costretta a condurre una vita molto modesta, ricca di privazioni ed umiliazioni che poco a poco affievoliscono il suo carattere ostinato, che diviene sempre più accondiscendente. Frattanto Lucenzio centra il suo obiettivo, mentre Ortensio sposa una ricca vedova.
L'opera si conclude con uno smascheramento generale. Riunitisi Ortensio, Petruccio e Lucenzio, decidono di sottoporre le mogli ad una prova d'obbedienza. Chiamandole, si presenta solo Caterina, alla quale verrà poi detto di recarsi da Bianca e dalla vedova così da rammentare i doveri coniugali.

commento personale: riletto a distanza di dieci anni mi sembra tutto un altro libro, quasi non mi sembra scritto da Shakespeare. Caterina e il suo non saper amare è una donna attualissima.

LASCIAMI ANDARE, MADRE - HELGA SCHNEIDER
Trama: "Dopo ventisette anni oggi ti rivedo, madre, e mi domando se nel frattempo tu abbia capito quanto male hai fatto ai tuoi figli". In una stanza d'albergo di Vienna, alle sei di un piovoso mattino, Helga Schneider ricorda quella madre che nel 1943 ha abbandonato due bambini per seguire la sua vocazione e adempiere quella che considerava la sua missione: essere a tempo pieno una SS e lavorare nei campi di concentramento del Führer.
commento personale: commovente il bisogno dell'autrice di capire una madre che si è macchiata di crimini orrendi arrivando anche ad abbandonare i propri figli.