giovedì 19 gennaio 2012

recensioni

I QUADERNI DEL PIANTO
Marcela Serrano

La protagonista, una donna di umili origini che vive in campagna, partorisce in ospedale una bambina, ma dopo qualche giorno le dicono che la figlia è morta in seguito a una febbre violenta. Lei non si rassegna, si convince che la piccola sia ancora viva, e decide di agire. Con l'aiuto di una giornalista scopre che nell'ospedale dove era stata ricoverata ci sono troppe morti sospette e trova una donna pronta a testimoniare di aver sentito i medici parlare chiaramente di un rapimento: il sospetto di un traffico illegale di adozioni e di organi diventa quasi una certezza. La protagonista, insieme ad altre madri nella stessa situazione, decide di creare un'associazione che si batte per portare alla luce gli orribili crimini. Un giorno, durante un sit-in, vede una bambina tenuta per mano dalla moglie del ministro degli Interni, è certa che sia sua figlia. In un impeto di gioia rabbiosa l'abbraccia e tenta di strapparla alla falsa madre. Immediatamente arrestata, viene internata in un ospedale psichiatrico. Lì lotta per non impazzire e con caparbietà non rinuncia all'idea di riavere sua figlia.

commento personale: non sono madre, ma se lo fossi, credo che questa sarebbe una delle mie più grandi paure. e qui al dolore per il rapimento di una figlia, si unisce il dramma interiore di una donna che si chiede una volta ritrovata la figlia, se la sua condizione la aiuterà a vivere bene come nella famiglia da cui era stata rapita. Il contesto è il classico paese del sud america, dove da una parte vige un governo dittatoriale e dall'altra i guerriglieri pronti alla lotta e al riscatto. assolutamente da leggere

1 commento:

  1. ti sei scelta un libro "leggerino"! :) Effettivamente suppongo anche io che è una grande paura per una mamma!
    Baci Baci

    RispondiElimina