sabato 26 luglio 2008

FRANCESCO PETRARCA

Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, et l'anno
Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, et l'anno,

et la stagione, e 'l tempo, et l'ora, e 'l punto,
e 'l bel paese, e 'l loco ov'io fui giunto
da' duo begli occhi che legato m'ànno;

et benedetto il primo dolce affanno c
h'i' ebbi ad esser con Amor congiunto
, et l'arco, et le saette ondi'i' fui punto,
et le piaghe che 'nfin al cor mi vanno.

Benedette le voci tante ch'io
chiamando il nome de mia donna ò sparte,
e i sospiri, et le lagrime, e 'l desio;

et benedette sian tutte le carte ov'io fama l'acquisto, e 'l pensier mio, ch'è sol di lei, sì ch'altra non v'à parte.

Nessun commento:

Posta un commento