giovedì 3 novembre 2011

diritto di cronaca si, ma con il dovere di informarsi

mi ritengo profondamente indignata per l'abuso di potere di cui  i giornalisti godono senza alcun rispetto per la giustizia e la verità. 
nei giorni scorsi sono stata vittima di un incidente che per fortuna si è risolto senza gravi conseguenze, ma i giornalisti ne sono venuti a conoscenza (non so come) e ne hanno costruito un articolo falso e finto, in cui l'unica cosa giusta che compare è il mio nome e cognome, accanto a quello di mio marito.

non entro nel merito degli errori descritti, ma mi spaventa l'idea che per la fantasia di un giornalista, una persona possa finire nelle pagine di cronaca di un giornale. ma soprattutto mi spaventa l'idea che nessuna smentita venga poi pubblicata e che persone innocenti magari vengano accusate ingiustamente.

per fortuna quel che è capitato a me non ha niente a che vedere con ingiustizie o accuse, ma l'episodio mi fa fatto riflettere e meditare.  d'accordissimo con il diritto di cronaca e di informazione, ma i giornalisti hanno il dovere di verificare l'informazione prima di pubblicarla

con tutte le tragedie di cui occuparsi magari in modo attivo, promuovendo aiuti per gli alluvionati di Liguria e Toscana, consiglio alle persone di consultare un vocabolario per leggere la differenza tra la parola "giornalista" e la parola "scrittore"

1 commento:

  1. certo che arrivare a questi livelli, devo dire che l'informazione sta diventando l'anti informazione di se stessa..

    spero che tu stia meglio ora.. fammi sapere

    un abbraccio++
    patty

    RispondiElimina