giovedì 14 luglio 2011

recensioni

L'ESTATE DEL COPRIFUOCO
Daniel Kraus


Tre ragazzini di dodici anni: James, schiacciato dalle aspettative dei genitori e voglioso di fare il bravo ragazzo; Reggie, uno sbandato senza padre e con una madre che passa da un fidanzato all'altro, e Willie, debole e sognatore.
Un'estate da incubo, nella quale Willie viene investito da un furgone e perde un braccio, e subito dopo sorte ancora peggiore tocca a un altro ragazzino, che finisce investito e ucciso. Si diffonde la sindrome del furgone assassino e viene decretato il coprifuoco: per Reggie, James e Willie, l'occasione ideale per lanciarsi in esaltanti scorribande notturne, spedizioni proibite nelle quali tireranno fuori il meglio e il peggio di sé. Fino a uno scioglimento drammatico, che li costringerà a crescere e segnerà a fondo le loro vite. 


commento personale: mi è piaciuto molto, anche se come tutti i racconti che hanno come protagonisti giovani adolescenti rimane sempre un po' di amaro in bocca e un senso di struggimento che mi riporta alla mia adolescenza.

Nessun commento:

Posta un commento