mercoledì 29 giugno 2011

VEDI DI NON MORIRE - Josh Bazell
dalle recensioni Einaudi

Con Peter Brown, ex killer entrato in un programma di protezione governativo, la mafia fa il suo ingresso tra le corsie di un famigerato ospedale di Manhattan.   
Mescolando thriller di mafia e sit-com ospedaliere, il medico-scrittore Josh Bazell, specializzando in psichiatria alla University of California, ha reinventato un intero genere letterario. Un'impresa che ha valso al suo romanzo d'esordio, Vedi di non morire, il paragone con Pulp fiction di Quentin Tarantino e ha permesso al libro di Bazell di conquistare lettori, scrittori e critici americani: se per Don Winslow Vedi di non morire è «un libro fico e raggelante, una lettura feroce», The New York Times Book Review ne ha elogiato l'«autore di straordinario talento» e la storia che «ti prende al punto che non vuoi staccarti se non il tempo di dare una sbirciatina in fondo alla pagina». Mentre Micheal Connelly ha scritto: «Vedi di non morire è uno sparo. Implacabile come una pallottola, il romanzo di Josh Bazell mi ha steso con un colpo!»E Vedi di non morire (www.beatthereaper.com) sarà presto anche un film, con probabile protagonista Leonardo Di Caprio, che ha dichiarato di volere per sé il personaggio del medico-gangster inventato da Bazell.


commento personale: il libro è particolarissimo, il paragone ai film di Tarantino è indovinatissimo......un consiglio personale: se siete deboli di cuore non leggete le ultime dieci pagine, ai fini della storia sono irrilevanti poichè la fine la si apprende già all'inizio, ma almeno non vi sveglierete con degli incubi la notte ;)

1 commento:

  1. caspiterina, adesso lo acquistarei solo per leggere le ultime pagine, hihihihihihi

    Felice fine settimana
    Argante

    RispondiElimina