giovedì 13 gennaio 2011

recensioni

IL CIMITERO DI PRAGA - U.ECO

TRAMA
Il nuovo romanzo di Umberto Eco arriva a trent’anni esatti di distanza dal capolavoro che fu "Il Nome della Rosa" nel lontano 1980.


Da sempre interessato alle vicende esistenziali della nostra contemporaneità, anche questa volta Umberto Eco ha svolto un’analisi attenta e letteraria del mondo moderno, incentrando la sua nuova opera sulla nascita delle Nazioni moderne.

Il Cimitero di Praga è un romanzo ambientato nell'800 e racconta le vicende del Capitano Simonini, falsario di professione, ingaggiato dai servizi segreti di diversi Paesi.

Il protagonista si aggira per l'Europa architettando intrighi che hanno realmente influito sul corso della storia. Umberto Eco dipinge un Ottocento fitto di rivolte, congiure, insurrezioni, sollevazioni, e attorno a questo personaggio ci racconta la nascita delle nazioni, riversando una luce conturbante sui nostri tempi.



COMMENTO PERSONALE: può un'ingenua lettrice come me mettersi a commentare umberto eco? assolutamente no. un romanzo originalissimo, forse più vivace nelle prime pagine e più noioso dopo, ma comunque un romanzo assolutamente da leggere. leggendo i libri di eco non si può non imparare qualcosa di nuovo. l'unica difetto: non è riuscito a replicare il più famoso " il nome della rosa", ma forse meglio così

Nessun commento:

Posta un commento