venerdì 1 ottobre 2010

recensioni

IDENTITA' AL BUIO
Harlan Coben

trama
Grace Lawson ha un difficile passato alle spalle, ma ora è una donna felice, fa la pittrice ed è madre di due bambini. Un giorno, però, dopo aver ritirato dal laboratorio le fotografie scattate durante una gita di famiglia, rimane perplessa osservando, in mezzo alle altre, una vecchia istantanea sbiadita. Nel gruppo ritratto crede di riconoscere suo marito Jack, che nega di essere la persona nella foto, ma dopo essersene impadronito sale in macchina e scompare. Chi sono le persone nella fotografia? Che fine ha fatto Jack? Tra questi due interrogativi si dipana una vicenda dai molti protagonisti - un killer pentito in attesa della condanna a morte, un viceprocuratore generale il quale scopre che sua sorella non è morta in un incendio ma è stata assassinata, un mafioso in cerca di vendetta -, tutti in un modo o nell'altro interessati a quella foto un po' sbiadita. I complessi eventi che ne scandiscono e condizionano le vite creano un sottofondo di tensione con cui l'autore attanaglia il lettore, risucchiandolo in un intreccio vorticoso popolato da incubi che superano ogni immaginazione.

commento personale: il classico thriller in cui l'azione supera il finale in fatto di suspence. una lettura leggera e veloce.

Nessun commento:

Posta un commento