giovedì 3 giugno 2010

recensioni

IL QUADERNO AZZURRO
JAMES A.LEVINE

trama : Batuk ha quindici anni e due tesori: la sua bellezza e una matita. Viveva in campagna prima di essere venduta dalla famiglia, costretta dall'indigenza, alla tenutaria di un bordello. Da sei anni Batuk è prigioniera nella strada delle prostitute bambine, chiusa in una gabbia che lei chiama nido, affacciata sul vortice senza speranza delle vie di Mumbai. La bellezza le garantisce un trattamento di favore nella realtà agghiacciante che la circonda, ma l'unico modo per sfuggire all'orrore quotidiano è la sua capacità di dare voce al suo mondo interiore. Perché Batuk crede nella forza delle parole, nel loro potere consolatorio. E così, procuratasi un quaderno azzurro, che nasconde segretamente in uno strappo del materasso, Batuk comincia a scrivere le sue storie: storie vere, come la sua e quella dei suoi compagni di schiavitù, e storie di fantasia, grazie alle quali riesce a spiccare il volo, dando un senso e una speranza alla sua esistenza. Sarà proprio la scrittura a permetterle di ribellarsi di fronte all'ennesimo gesto di cinismo e di spietata violenza.

commento personale: commovente fin dalla prima pagina. una storia nata dalla fantasia dell'autore ma che si ispira alle violenze quotidiane che i bambini di tutto il mondo sono costretti a subire. la favola finale raccontata dalla piccola Batuk mi ha commossa, assolutamente da leggere

1 commento:

  1. ho letto il libro il 2 giugno , mi ha talmente rapita che alla fine avevo le lacrime agli occhi . ti consiglio anche "MILLE SPLENDIDI SOLI"

    RispondiElimina