martedì 28 luglio 2009

recensioni

L'uomo che credeva di non avere più tempo - Musso Guillaume

trama: New York, ai giorni nostri. Nathan Del Amico è uno degli avvocati più famosi della città. Ha fatto una carriera davvero invidiabile, che però ha pagato a caro prezzo: ha lasciato che un vuoto si insinuasse tra lui e la moglie Mallory e l'ha persa. Lei è tornata a San Diego dai genitori, portando con sé la piccola Bonnie, la figlia che Nathan adora e che ormai riesce a vedere così di rado. È un uomo solo. Un giorno riceve una visita inaspettata: un uomo che non ha mai visto prima, Garrett Goodrich, si presenta nel suo ufficio. È un medico di chiara fama, così sembra, eppure farnetica cose senza senso, sostiene di essere in grado di riconoscere le persone prossime alla morte, e dì avere una missione da compiere.

commento personale: la prima cosa che mi viene in mente è : tristissimo! assolutamente da non leggere se si è depressi..........per contro fa riflettere sulle cose importanti della vita, sulle nostre azioni e la buona fede che le spinge (forse non sempre buona fede)

3 commenti:

  1. Grazie per l'avvertimento, Katiuscia: da legggere solo se si ha il morale alle stelle, quindi!!!
    Un abbraccio, a presto
    Maria Rosa

    RispondiElimina